Area Riservata Soci
Roma, 26 Aprile 2016: Nasce G.U.I.D.A.

Roma, 2 maggio 2016 - Promuovere la ricerca, le attività culturali e la formazione ma soprattutto fare chiarezza sugli ... Leggi tutto

Roma, 8 Luglio 2016: Corporate Introduction

Nasce G.U.I.D.A., prima società scientifica in Italia per la gestione interdisciplinare del dolore muscolo-scheletrico e dell'... Leggi tutto

Federazione per le Malattie Reumatiche

Il Prof. Iolascon , direttore esecutivo di SI-GUIDA ha partecipato alla riunione intersocietaria, tenutasi a Roma il 29 Aprile, che aveva... Leggi tutto

Federazione per le Malattie Reumatiche

Roma, 8 Luglio 2016: Corporate Introduction

Roma, 26 Aprile 2016: Nasce G.U.I.D.A.

NEWSLETTER 27 ANNO 2019: L’UTILIZZO DELLE ONDE D’URTO NELLE PATOLOGIE MUSCOLO SCHELETRICHE

NEWSLETTER 26 ANNO 2019: DIFFERENZE DI GENERE NELLA PATOGENESI E NELL’OUTCOME DEL LOW BACK PAIN

EVENTO PATROCINATO SI GUIDA

NEWSLETTER 25 ANNO 2019: LA LOMBOSCIATALGIA DELLO SPORTIVO QUANDO SOSPETTARE UNA PATOLOGIA REUMATICA?

NEWSLETTER 24 ANNO 2019: II CONGRESSO NAZIONALE SOCIETA ITALIANA GUIDA

IL DOLORE MUSCOLO SCHELETRICO NELLE MALATTIE RARE: ESEMPIO DELLA MALATTIA DI GAUCHER

NEWSLETTER 23 ANNO 2018: AUMENTA L’EVIDENZA DI RITARDO DI PROTESIZZAZIONE DI GINOCCHIO DOPO VISCOSUPPLEMENTAZIONE

EVENTO PATROCINATO SI GUIDA

NEWSLETTER 22 ANNO 2018: IL RUOLO DEL SISTEMA SIMPATICO NEL DOLORE DELL’ALGODISTROFIA E NEL METABOLISMO OSSEO: UNA MATASSA DA SBRIGLIARE

EVENTO PATROCINATO SI GUIDA

NEWS LETTER 21 ANNO 2018: CONGRESSI REGIONALI G.U.I.D.A. 2018

NEWS LETTER 20 ANNO 2018: RISCHIO INFETTIVO POST OPERATORIO E PRECEDENTI INIEZIONI INTRA ARTICOLARI

NEWSLETTER 19 ANNO 2018: IL TRATTAMENTO RIABILITATIVO DELL ALGODISTROFIA

V CONGRESSO NAZIONALE GISOOS

103° Congresso della Società italiana di Ortopedia e traumatologia (SIOT)

Diciottesima edizione del “World Congress On Osteoporosis, Osteoarthritis And Musculoskeletal Diseases”: successodel Simposio sulla Complex Regional Pain Syndrome.

NEWSLETTER 18 ANNO 2018: SURVEY SI GUIDA

NEWSLETTER 17 ANNO 2018: UPDATE AD UN ANNO DAL I CONGRESSO NAZIONALE SI GUIDA

LA VISCOSUPPLEMENTAZIONE È UN TRATTAMENTO CICLICO

NEWSLETTER 16 ANNO 2018 : ASPETTI MEDICO LEGALI IN TERAPIA INFILTRATIVA DAL CONSENSO INFORMATO ALLA RESPONSABILITÀ PROFESSIONALE

ANALOGIE E DIFFERENZE NELLA PATOGENESI DEL DOLORE TRA VARIE FORME DI LOMBALGIA E FIBROMIALGIA

Newsletter 15 anno 2018: L’interdisciplinarietà la vera forza del SI GUIDA

CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN AGOPUNTURA E TERAPIE COMPLEMENTARI NELLA RIABILITAZIONE DEL DOLORE MUSCOLO SCHELETRICO

Neswletter 14 anno 2017: È necessaria una nuova classificazione del dolore cronico?

Come misurare il dolore?

Evento Patrocinato Società Italiana G.U.I.D.A.

Newsletter 13 anno 2017: Terapia infiltrativa intra articolare

La FDA approva l’utilizzo dello stimolatore spinale per la gestione del dolore cronico refrattario

Newsletter 12 Anno 2017: La terapia infiltrativa intra articolare e la riabilitazione: un binomio vincente

Prevalenza del dolore neuropatico in pazienti con Lombalgia

Evento Patrocinato Società Italiana G.U.I.D.A.

DIFFERENTE TRASMISSIONE DEL DOLORE NELLE VARIE FORME DI LOMBALGIA

Newsletter 11 Anno 2017 L’Algodistrofia è una malattia rara?

Efficacia dello Yoga nel trattamento della lombalgia cronica

Newsletter 10 Anno 2017 Diagnosi differenziale del dolore

A COSA È DOVUTO L’EFFETTO DELLA DULOXETINA NELLA LOMBALGIA CRONICA?

Newsletter 9 Anno 2017 Territorialità e interdisciplinarietà della Società Italiana G.U.I.D.A.

Perchè è così difficile capire se l’agopuntura funziona effettivamente

Evento Patrocinato Società Italiana G.U.I.D.A.

Dubbi sulla efficacia della meniscectomia artroscopica parziale nel trattamento del dolore

Persistenza dell’uso di oppioidi dopo chirurgia di anca o di ginocchio

Evento Patrocinato Società Italiana G.U.I.D.A.

Evento Patrocinato Società Italiana G.U.I.D.A.

Update dall’FDA sull’uso nei bambini e nelle donne in gravidanza di codeina e tramadolo

Newsletter 8 - Anno 2017 - Congresso Società Italiana G.U.I.D.A. 2017 – output del Congresso

Newsletter 7 - Anno 2017 - La gestione del paziente con dolore: dalla fisiopatologia alla clinica

Newsletter 6 - Anno 2017 - Raccomandazioni della ACP sulla cura della lombalgia

I CONGRESSO NAZIONALE G.U.I.DA NAPOLI 9/11 MARZO 2017

Avvelenamento da oppioidi in età pediatrica: allerta dall’American Medical Association

Efficacia della vertebroplastica nella riduzione del dolore nelle fratture vertebrali da fragilità

Newsletter 5 - Anno 2016 - Società Italiana G.U.I.D.A. : Nuove Progettualità

Il Dolore nel cinema

Confronto oppioidi paracetamolo FANS

Newsletter 4 - Anno 2016 - I Congresso Nazionale Società Italiana G.U.I.D.A.

Ricerca Bibliografica

Newletter 3 - Anno 2016 - Il dolore muscoloscheletrico: una overview

Ricerca Bibliografica

Oppiodi, il rovescio della medaglia: dipendenza ed effetti correlati

Newsletter 2 - Anno 2016 - Algodistrofia: storia di un nome

Il dolore nell arte

Studio di efficacia e sicurezza su Aceclofenac e Diclofenac

Dolore e artrosi del ginocchio: come trattarlo

Newslette 1 - Anno 2016 - Presentazione Società Italiana G.U.I.D.A.

Dolore in gravidanza

Prevalenza del dolore cronico in UK

La fondazione: parlano il Presidente e il Direttore Esecutivo

Fibromialgia: la causa dei dolori misteriosi

Sigarette elettroniche, sicure ma aiutano poco a smettere

La qualità del sonno anche questione di cibo e peso

Colesterolo, uno studio rivaluta quello cattivo:

NEWSLETTER 27 ANNO 2019: L’UTILIZZO DELLE ONDE D’URTO NELLE PATOLOGIE MUSCOLO SCHELETRICHE

Le onde d’urto in medicina sono note fin dagli anni ‘70, quando in Germania Haeusler E., e Kiefer W. riportarono la prima frantumazione in vitro di un calcolo renale tramite onde d’urto senza contatto diretto, (Anno 1971), tale intuizione fu così prodigiosa ed ebbe così ampio successo che ad oggi rappresentano la terapia non invasiva standard per il trattamento di tale patologia. Successivamente esse continuarono ad essere studiate finché negli anni ‘90 vennero applicate in ambito muscolo-scheletrico per i ritardi di consolidazione ossea e per le calcificazioni tendinee. Arrivarono in Italia negli anni ‘90 grazie alla Scuola del Prof. Bruno Corrado dell’Università di Napoli.
Dal punto di vista fisico, l'onda d'urto è definita come un'onda acustica sul cui fronte di avanzamento la pressione si eleva, in frazioni di nanosecondi (10-9 secondi), dal livello della pressione atmosferica (1,01-1,02 bar) sino a valori compresi fra 10 e 100 MegaPascal (1 Mpa = 10 bar), ossia fino a 100-1000 volte la pressione atmosferica.
Dal punto di vista classificativo bisogna distinguere tra onde d’urto focali e onde d’urto radiali. Le prime sono onde d’urto generate da generatori piezoelettrici, elettroidraulici o elettromagnetici e tramite un puntatore vengono veicolate in profondità all’interno del tessuto bersaglio con intensità variabile tra 0,08 mj/s e i 0,30 mj/s. Le onde d’urto radiali vengono generate da un generatore meccanico e non vengono veicolate in profondità, bensì hanno azione superficiale sui tessuti, soprattutto meccanica con intensità tra i 500 e 1500 bar.
Le onde d’urto focali sono utilizzabili dal punto di vista terapeutico solo dal medico chirurgo, mentre le onde d’urto radiali possono essere utilizzate oltreché dal medico anche dal fisioterapista.
La velocità di propagazione dell'onda d'urto è determinata dal mezzo in cui si propaga e dall'intensità dell'onda stessa. Le pareti cellulari, che hanno uno spessore di pochi strati molecolari, vengono così sottoposte a elevati gradienti pressori al passaggio dell'onda d'urto (effetto diretto).
Oltre a questo effetto diretto, vi è un effetto indiretto che si esplica attraverso l'interazione delle microscopiche bolle di gas che nascono al passaggio dell'onda. Il sopraggiungere di una successiva onda d'urto a elevata pressione, che colpisce la bolla gassosa, la deforma e ne provoca il collasso, inducendo l’effetto cavitazionale il quale a sua volta induce un effetto di attivazione cellulare con effetto di meccano-trasduzione. E’ proprio grazie a questi fondamenti fisici che le onde d’urto hanno trovato applicazione sempre maggiore e sono cresciuti negli anni gli studi scientifici che hanno chiarito il loro reale meccanismo di funzionamento nei tessuti umani.
Per esempio, a livello del tessuto osseo, in presenza di un ritardo di consolidazione, l'effetto cavitazionale determina la rottura dei cristalli di idrossiapatite con liberazione di microcristalli. Questo fenomeno sarebbe responsabile di un'espansione del numero dei nuclei di aggregazione calcica con riattivazione e ampliamento della risposta osteogenica.
A questo proposito nel 2009 Cacchio et al., aveva condotto uno studio RCT di elevata qualità in pazienti con pseudoartrosi su frattura post-traumatica di ossa lunghe, suddividendolo in 3 gruppi da 40 pazienti, i primi due gruppi avevano subìto trattamento con onde d’urto a diverse intensità, mentre il terzo gruppo era stato sottoposto a revisione chirurgica1. A distanza di 12 e 24 mesi di follow-up tutti e tre i gruppi avevano risolto il loro ritardo di consolidazione valutando i segni radiografici, ma i pazienti dei gruppi trattati con onde d’urto presentavano meno dolore e miglior funzionalità rispetto al gruppo che aveva subito revisione chirurgica.
Sotto questa ottica si possono considerare le onde d’urto come ottima alternativa alla chirurgia nelle patologie da ritardo di consolidazione ossea, alla luce delle minori complicanze infettive e post-operatorie.
Anche Moretti et al., nello stesso anno, in un case series di oltre 200 pazienti, aveva indagato l’efficacia dell’utilizzo delle onde d’urto nei ritardi di consolidazione trovandole efficaci nell’ 80% delle fratture già dopo 45 giorni di distanza dall’ultima seduta 2.
Nel 2015 Thiele et al. ha condotto uno studio sull’osteocondrite dissecante di caviglia e di ginocchio in un gruppo di 40 pazienti sottoposto ad una seduta di onde d’ urto focali (2500 colpi a 0,35 mj/s).
Il subjective score ha mostrato un miglioramento del dolore post trattamento sia a riposo (tutti i pazienti non avevano dolore), che durante l’esercizio fisico (38% dei pazienti aveva lieve dolore durante attività fisica), inoltre si è avuto un miglioramento del gonfiore nel 50% dei pazienti trattati; questo lavoro ha concluso che le onde d’urto sono e sicure nel trattamento dell’ osteocondrite dissecante e, ancora una volta, utilizzabili prima di prendere in considerazione l’opzione chirurgica 3.
Ancora riguardo alle patologie di interesse ortopedico, una review di elevata qualità di Leal et al. del 2015 ha mostrato i risultati di numerosi studi su pazienti affetti da fratture da stress trattati con onde d’urto focali, concludendo che esse possono ritardare e spesso evitare l’intervento chirurgico 4.
Diversi studi inoltre, hanno dimostrato l’effetto antinfiammatorio nei tessuti molli colpiti dall'onda d'urto, legato al fenomeno di neo-capillarogenesi, e dell’aumento del metabolismo del microcircolo, indotta da un aumento dell'ESAF, del VEGF liberato dalle cellule endoteliali danneggiate e dai fibroblasti, con incremento del flusso ematico e conseguente eliminazione dei mediatori chimici dell'infiammazione. Studi sperimentali più recenti hanno proposto un possibile collegamento tra l'azione delle onde d'urto e la produzione di nitrossido d'azoto nei tessuti colpiti. Dalla concentrazione di questo composto chimico deriverebbe una cascata di reazioni, responsabili della risposta angiogenetica, citotossica e neuromodulante.
Riguardo l'effetto analgesico delle onde d'urto sono state formulate diverse ipotesi. Tra le più accreditate vi è la teoria dell'analgesia da iperstimolazione. Secondo questa teoria, una stimolazione dolorosa particolarmente intensa, trasmessa al cervello attraverso i cordoni posteriori del midollo spinale, può attivare un sistema inibitorio discendente in grado di bloccare una successiva trasmissione di stimoli nocicettivi nei cordoni posteriori del midollo spinale. L'analgesia così ottenuta permette di migliorare la funzionalità articolare.
Date queste premesse, e questi razionali di utilizzo, ad oggi, le onde d’urto trovano applicazione pratica negli ambulatori di medicina fisica e riabilitazione come terapia fisica tra le più valide e con crescente interesse da parte della comunità scientifica internazionale.
Nel 2016 una metanalisi di RCT di Jing Lou et al. ha mostrato efficacia con massimo livello di evidenza sulla fascite plantare alle scale valutative degli outcome di dolore e di funzionalità, concludendo che seppur maggiormente costese dei trattamenti tradizionali per la fascite plantare, esse sono maggiormente efficaci 5.
Nel 2015 una review di RCT di L. Gerdesmeyer et al ha evidenziato l’efficacia nell’utilizzo di onde d’urto sulla tendinopatia achillea per quanto riguarda dolore e funzionalità 6.
Riguardo la tendinopatia rotulea Leal et al nel 2015 hanno pubblicato una review che mostra la loro reale efficace solo in fase cronica di malattia sugli outcome dolore e funzionalità e minor efficacia nella tendinopatia rotulea acuta 7.
Lo stesso risultato è stato mostrato nella review di RCT di Thiele del 2015 che mostra ottimi risultati in termini di dolore e funzionalità nell’epicondilite laterale di gomito cronica 8. Numerose evidenze scientifiche sono a supporto dell’utilizzo delle onde d’urto sulla tendinopatia calcifica della cuffia dei rotatori, mentre non vi sono evidenze di efficacia sulla tendinopatia della cuffia dei rotatori non calcifica come evidenziato dalla review del 2014 da Raveendhara R. et al 9. Vi sono studi scientifici che supportano l’utilizzo delle stesse nella sindrome del gran trocantere; come mostrato J. Rompe in un RCT del 2009, le onde d’urto sono più efficaci in termini di dolore e funzionalità delle infiltrazioni di cortisone nella borsa trocanterica nella sindrome del gran trocantere 10.
Oltre alle patologie muscolo-scheletriche le onde d’urto stanno subendo un importante interesse in ambiti estetici, dermatologici, cardiologici, neurologici ed internistici, motivo per il quale la società internazionale ne ha regolamentato l’utilizzo per patologia.
Come accennato, dunque, la International Society for Medical Shockwave Treatment nel 2016 tramite una consensus di esperti internazionali ha stilato le indicazioni standard per l’utilizzo delle onde d’urto, le indicazioni empiriche, le indicazioni eccezionali e le controindicazioni per il loro utilizzo.
Ad oggi, le onde d’urto hanno indicazioni standard internazionalmente accettate nel trattamento di tendinopatie croniche (tendinopatia calcifica di spalla, epicondilopatia laterale di gomito, sindrome del gran trocantere, tendinopatia achillea, fascite plantare con o senza sperone calcaneare), nelle patologie ossee (ritardo di consolidazione, pseudoartrosi, fratture da stress, necrosi avascolare ossea, osteocondrite dissecante), nelle patologie della cute (ferite non guarite, ulcere cutanee, ustioni).
Le indicazioni di utilizzo clinico empiricamente testato invece sono per: tendinopatie (tendinopatie della cuffia senza calcificazioni, epicondilite mediale del gomito, tendinopatia adduttoria, tendinopatia della zampa d’oca, tendinopatia dei peronei, tendinopatia di piede e caviglia), patologie ossee (sd da edema osseo, malattia di Osgood Schlatter, sd da stress tibiale mediale), patologie della cute, patologie muscolari (sindrome miofasciale, lesioni muscolari senza discontinuità).
Hanno indicazioni eccezionali in altre patologie muscolo-scheletriche (artrosi, malattia di Dupuytren, malattia di Ledderhose, sd di De Quervain, dito a scatto), patologie neurologiche (spasticità, polineuropatie, malattia di Peyronie), linfedema.
Vi sono indicazioni sperimentali per: ischemia miocardica, lesioni nervose periferiche, patologie spinali, calcificazioni cutanee, patologie parodontali, patologie mandibolari, osteoporosi.
Mentre ad oggi, le controindicazioni sono per pazienti con pace-maker, tumori, gravi coagulopatie, gravidanza (se presenza di feto in prossimità dell’area da trattare).
Si può concludere che negli ultimi anni vi è sempre un maggior interesse per l’utilizzo delle onde d’urto in ambito muscolo-scheletrico per via del loro effetto biologico sui tessuti danneggiati, alcuni le considerano l’alternativa futura ad alcuni tipi di chirurgia, tuttavia è importante continuare a stimolare la comunità scientifica a produrre lavori che supportino la loro reale efficacia e ne studino gli effetti a lungo termine.

BIBLIOGRAFIA:

1) Cacchio A , Giordano L , Colafarina O, et al. Extracorporeal Shock-Wave Therapy Compared with Surgery for Hypertrophic Long-Bone Nonunions. J Bone Joint Surg Am. 2009; 91:2589-97

2) Moretti B , Notarnicola A, Moretti L, et al. Bone healing induced by ESWT. Mini review. Clinical Cases in Mineral and Bone Metabolism. 2009; 6(2): 155-158.

3) Thiele S, Thiele R, Gerdesmeyer L et al. Adult osteochondritis dissecans and focussed ESWT: A successful treatment option. International Journal of Surgery. 2015; 191e194.

4) Leal C, D'Agostino C, Gomez Garcia S . Current concepts of shockwave therapy in stress fractures. International Journal of Surgery. 2015;195-200.

5) Jing L, Shuai W, Shuitao L, et al. Effectiveness of Extracorporeal Shock Wave Therapy Without Local Anesthesia in Patients With Recalcitrant Plantar Fasciitis; A Meta-Analysis of Randomized Controlled Trials. Am J Phys Med Rehabil. 2016;00: 00–00.

6)Gerdesmeyer L , Mittermayr R, Fuerst M , et al. Current evidence of extracorporeal shock wave therapy in chronic Achilles tendinopathy. International Journal of Surgery. 2015;154e159.

7) Leal C, Ramon S, Furia J, et al. Current concepts of shockwave therapy in chronic patellar tendinopathy. International Journal of Surgery. 2015; 160e164.

8) Thiele S, Thiele R, Gerdesmeyer L . Lateral epicondylitis: This is still a main indication for extracorporeal shockwave therapy. International Journal of Surgery. 2015;165-170.

9) Raveendhara R. B, Flavin E N, Vaysbrot E. High-Energy Extracorporeal Shock-Wave Therapy for Treating Chronic Calcific Tendinitis of the Shoulder. A Systematic Review. 2014. Ann Intern Med. 2014;160:542-549.

10) Rompe J D, Segal N A, Cacchio A. Home Training, Local Corticosteroid Injection, or Radial Shock Wave Therapy for Greater Trochanter Pain Syndrome. The American Journal of Sports Medicine.2009;Vol37;N 10.

Professor Stefano Masiero

Iscriviti alla Newsletter

Card image cap

Presidente Umberto Tarantino

Presidente della Società G.U.I.D.A. Professore Ordinario di Malattie Apparato Locomotore Coordinatore della Scuola di Specializzazione in Ortopedia e Traumatologia.

Dettagli

Card image cap

Direttore Esecutivo Giovanni Iolascon

Direttore Esecutivo della Società G.U.I.D.A. Professore di Medicina Fisica e Riabilitativa Seconda Università di Napoli.

Dettagli

Card image cap

Past President Ombretta Di Munno

Past President della Società G.U.I.D.A. Direttore della Scuola di Specializzazione di Reumatologia, Università di Pisa.

Dettagli
Card image cap

Giulia Letizia Mauro

Professore Ordinario di Medicina Fisica e Riabilitativa - Primario dell'U.O.C. di "Riabilitazione" - A.O.U.P. "Paolo Giaccone" di Palermo

Dettagli
Card image cap

Gerolamo Bianchi

Direttore del Dipartimento Apparato Locomotore della Azienda Sanitaria Genovese.

Dettagli
Card image cap

Biagio Moretti

Policlinico Universitario di Bari, Università degli Studi di Bari A.O.

Dettagli

Sede legale:
Via di Poggio, 48 - Lucca

Presidente:
Umberto Tarantino

Direttore Esecutivo:
Giovanni Iolascon

Segreteria Organizzativa

A.I.C. Asti Incentives & Congressi srl

Piazza San Uomobono, 30

56126 Pisa

Tel.: +39 050 598808 / 541402

Fax: +39 050 0987825

Email: si-guida@aicgroup.it

www.aicgroup.it