Area Riservata Soci
Roma, 26 Aprile 2016: Nasce G.U.I.D.A.

Roma, 2 maggio 2016 - Promuovere la ricerca, le attività culturali e la formazione ma soprattutto fare chiarezza sugli ... Leggi tutto

Roma, 8 Luglio 2016: Corporate Introduction

Nasce G.U.I.D.A., prima società scientifica in Italia per la gestione interdisciplinare del dolore muscolo-scheletrico e dell'... Leggi tutto

Federazione per le Malattie Reumatiche

Il Prof. Iolascon , direttore esecutivo di SI-GUIDA ha partecipato alla riunione intersocietaria, tenutasi a Roma il 29 Aprile, che aveva... Leggi tutto

Federazione per le Malattie Reumatiche

Roma, 8 Luglio 2016: Corporate Introduction

Roma, 26 Aprile 2016: Nasce G.U.I.D.A.

EVENTO PATROCINATO SI GUIDA

NEWSLETTER 22 ANNO 2018: IL RUOLO DEL SISTEMA SIMPATICO NEL DOLORE DELL’ALGODISTROFIA E NEL METABOLISMO OSSEO: UNA MATASSA DA SBRIGLIARE

EVENTO PATROCINATO SI GUIDA

NEWS LETTER 21 ANNO 2018: CONGRESSI REGIONALI G.U.I.D.A. 2018

NEWS LETTER 20 ANNO 2018: RISCHIO INFETTIVO POST OPERATORIO E PRECEDENTI INIEZIONI INTRA ARTICOLARI

NEWSLETTER 19 ANNO 2018: IL TRATTAMENTO RIABILITATIVO DELL ALGODISTROFIA

V CONGRESSO NAZIONALE GISOOS

103° Congresso della Società italiana di Ortopedia e traumatologia (SIOT)

Diciottesima edizione del “World Congress On Osteoporosis, Osteoarthritis And Musculoskeletal Diseases”: successodel Simposio sulla Complex Regional Pain Syndrome.

NEWSLETTER 18 ANNO 2018: SURVEY SI GUIDA

NEWSLETTER 17 ANNO 2018: UPDATE AD UN ANNO DAL I CONGRESSO NAZIONALE SI GUIDA

LA VISCOSUPPLEMENTAZIONE È UN TRATTAMENTO CICLICO

NEWSLETTER 16 ANNO 2018 : ASPETTI MEDICO LEGALI IN TERAPIA INFILTRATIVA DAL CONSENSO INFORMATO ALLA RESPONSABILITÀ PROFESSIONALE

ANALOGIE E DIFFERENZE NELLA PATOGENESI DEL DOLORE TRA VARIE FORME DI LOMBALGIA E FIBROMIALGIA

Newsletter 15 anno 2018: L’interdisciplinarietà la vera forza del SI GUIDA

CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN AGOPUNTURA E TERAPIE COMPLEMENTARI NELLA RIABILITAZIONE DEL DOLORE MUSCOLO SCHELETRICO

Neswletter 14 anno 2017: È necessaria una nuova classificazione del dolore cronico?

Come misurare il dolore?

Evento Patrocinato Società Italiana G.U.I.D.A.

Newsletter 13 anno 2017: Terapia infiltrativa intra articolare

La FDA approva l’utilizzo dello stimolatore spinale per la gestione del dolore cronico refrattario

Newsletter 12 Anno 2017: La terapia infiltrativa intra articolare e la riabilitazione: un binomio vincente

Prevalenza del dolore neuropatico in pazienti con Lombalgia

Evento Patrocinato Società Italiana G.U.I.D.A.

DIFFERENTE TRASMISSIONE DEL DOLORE NELLE VARIE FORME DI LOMBALGIA

Newsletter 11 Anno 2017 L’Algodistrofia è una malattia rara?

Efficacia dello Yoga nel trattamento della lombalgia cronica

Newsletter 10 Anno 2017 Diagnosi differenziale del dolore

A COSA È DOVUTO L’EFFETTO DELLA DULOXETINA NELLA LOMBALGIA CRONICA?

Newsletter 9 Anno 2017 Territorialità e interdisciplinarietà della Società Italiana G.U.I.D.A.

Perchè è così difficile capire se l’agopuntura funziona effettivamente

Evento Patrocinato Società Italiana G.U.I.D.A.

Dubbi sulla efficacia della meniscectomia artroscopica parziale nel trattamento del dolore

Persistenza dell’uso di oppioidi dopo chirurgia di anca o di ginocchio

Evento Patrocinato Società Italiana G.U.I.D.A.

Evento Patrocinato Società Italiana G.U.I.D.A.

Update dall’FDA sull’uso nei bambini e nelle donne in gravidanza di codeina e tramadolo

Newsletter 8 - Anno 2017 - Congresso Società Italiana G.U.I.D.A. 2017 – output del Congresso

Newsletter 7 - Anno 2017 - La gestione del paziente con dolore: dalla fisiopatologia alla clinica

Newsletter 6 - Anno 2017 - Raccomandazioni della ACP sulla cura della lombalgia

I CONGRESSO NAZIONALE G.U.I.DA NAPOLI 9/11 MARZO 2017

Avvelenamento da oppioidi in età pediatrica: allerta dall’American Medical Association

Efficacia della vertebroplastica nella riduzione del dolore nelle fratture vertebrali da fragilità

Newsletter 5 - Anno 2016 - Società Italiana G.U.I.D.A. : Nuove Progettualità

Il Dolore nel cinema

Confronto oppioidi paracetamolo FANS

Newsletter 4 - Anno 2016 - I Congresso Nazionale Società Italiana G.U.I.D.A.

Ricerca Bibliografica

Newletter 3 - Anno 2016 - Il dolore muscoloscheletrico: una overview

Ricerca Bibliografica

Oppiodi, il rovescio della medaglia: dipendenza ed effetti correlati

Newsletter 2 - Anno 2016 - Algodistrofia: storia di un nome

Il dolore nell arte

Studio di efficacia e sicurezza su Aceclofenac e Diclofenac

Dolore e artrosi del ginocchio: come trattarlo

Newslette 1 - Anno 2016 - Presentazione Società Italiana G.U.I.D.A.

Dolore in gravidanza

Prevalenza del dolore cronico in UK

La fondazione: parlano il Presidente e il Direttore Esecutivo

Fibromialgia: la causa dei dolori misteriosi

Sigarette elettroniche, sicure ma aiutano poco a smettere

La qualità del sonno anche questione di cibo e peso

Colesterolo, uno studio rivaluta quello cattivo:

NEWSLETTER 22 ANNO 2018: IL RUOLO DEL SISTEMA SIMPATICO NEL DOLORE DELL’ALGODISTROFIA E NEL METABOLISMO OSSEO: UNA MATASSA DA SBRIGLIARE

Novità dall’ASBMR Montreal 2018

L’algodistrofia o, come meglio oggi identificata, la ComplexRegionalPainSyndrome (CRPSP) è stata a lungo denominata Reflex Sympathetic - Dystrophy (Distrofia Simpatico-Riflessa) poiché si riteneva che  fosse un’iperattività del sistema nervoso simpatico alla base del complesso quadro clinico e del dolore urente. Tale ipotesi era supportata da manifestazioni come le alterazioni della temperatura, del colore e della sudorazione della pelle delle estremità colpite. Inoltre come criterio ex-adiuvantibus, la simpaticectomia chirurgica sembrava talvolta poter alleviare o addirittura risolvere il dolore dell’algodistrofia.
Per contro dati sperimentali e clinici contrastavano tale ipotesi. E’ noto, ad esempio, che le concentrazioni plasmatiche di catecolamina sono più basse negli arti affetti da CRPS e che nella maggior parte dei pazienti con CRPS i blocchi simpatici non hanno un impatto significativo o duraturo sul dolore e, inoltre, che la temperatura della pelle non è correlata all'attività dei neuroni vasocostrittori simpatici.
Più di recente si è ipotizzato che il quadro clinico sudo-motorio e termo-dolorifico possa essere condizionato da un’alterata interazione tra efferenti simpatici e neuroni afferenti che conducono gli impulsi provenienti da fibre nocicettive di tipo  C, o tra neuroni vasocostrittori simpatici e afferenti somatici all'interno del ganglio della radice dorsale. Tali interazioni sarebbero legate alla liberazione di noradrenalina, rilasciata dai terminali simpatici cheva ad agire su recettori adrenergici espressi sui neuroni nocicettivi afferenti. A conferma di questa ipotesi vi sarebbe l'aumento di mRNA per i recettori alfa-2nei neuroni gangliari in corso di neuropatia periferica. Il maggior numero di adrenorecettori peraltro iperattivi sugli afferenti nocicettivi provenienti da un’area lesionata spiegherebbe come l'attività ridotta del simpatico nella CRPS sia in grado di mantenere il dolore.
Sia nella CRPS tipo I che nella forma II (causalgia), l'inibizione precoce dell'attività vasocostrittrice cutanea centrale porta alla vasodilatazione nell'area denervata facendola sentire calda. La successiva maggiore sensibilità alle catecolamine circolanti dovuta alla sovraregolazione degli adrenorecettori cutanei provoca vasocostrizione e freddezza.
Sulla base di recenti studi clinici, i pazienti con dolore neuropatico possono essere suddivisi in 2 gruppi in base agli effetti del blocco simpatico selettivo. Il dolore alleviato dalle procedure simpaticolitiche viene definito SMP (SympatheticallyMaintainedPain).
Studi su animali mostrano che il sistema nervoso simpatico regola il metabolismo osseo principalmente attraverso i recettori β2-adrenergici. Ma i dati sull’uomo appaiono ancora contrastanti. Durante il recentissimo congresso dell’American Society of Bone and MineralResearch (ASBMR) tenutosi a Montreal, un gruppo di ricercatori della Mayo Clinic ha eseguito Il sequenziamento dell'RNA di biopsie ossee umane e di osteoblasti in coltura dimostrando l'assenza di β3-AR, e la presenza di β1- e β2-AR espressi sia nell'osso umano che nelle cellule in coltura.
Inoltre in uno studio di popolazione, hanno identificato 67 soggetti di età> 50 anni che avevano usato β-bloccanti per almeno 1 anno negli ultimi 5 anni; di questi 63 avevano utilizzato bloccanti β1-selettivi (atenololo / metoprololo). Rispetto a soggetti che non utilizzano bloccanti β1-selettivi, presentavano una migliore microarchitettura ossea valutata allaHRpQCT(CT periferica ad alta definizione) sia al radio distale che alla tibia. Infine in 155 donne in postmenopausa randomizzate in cinque gruppi di trattamento per 20 settimane: (1) Placebo (PL); (2) propranololo, 20 mg BID; (3) propranololo, 40 mg BID; (4) atenololo, 50 mg / giorno; (5) nebivololo, 5 mg / d. (propranololo [non selettivo] <<atenololo [relativamente β1-selettivo / alcuni β2-AR antagonismo] <nebivololo [altamente selettivo β1-AR]). A 20 settimane sia atenololo che nebivololohanno aumentato significativamente la BMD del radio ultra-distale. Nel loro complesso questi studi dimostrano che: (1) β1- e β2-ARs, ma non β3-ARs, sono espressi nell'osso umano; (2) i pazienti che usano bloccanti β1-selettivi hanno una migliore microarchitettura ossea; e (3) i bloccanti β1-selettivi (atenololo, nebivololo), ma non un bloccante β-AR non selettivo (propranololo), hanno effetti favorevoli sul turnover osseo e sulla BMD nelle donne in postmenopausa. Queste 3 evidenzesupportano fortemente il ruolo del simpatico nella regolazione del metabolismo osseo nell'uomo principalmente attraverso β1-AR.


 

 

 

 

 

 

 

 

Professor Giovanni Iolascon

Iscriviti alla Newsletter

Card image cap

Presidente Umberto Tarantino

Presidente della Società G.U.I.D.A. Professore Ordinario di Malattie Apparato Locomotore Coordinatore della Scuola di Specializzazione in Ortopedia e Traumatologia.

Dettagli

Card image cap

Direttore Esecutivo Giovanni Iolascon

Direttore Esecutivo della Società G.U.I.D.A. Professore di Medicina Fisica e Riabilitativa Seconda Università di Napoli.

Dettagli

Card image cap

Past President Ombretta Di Munno

Past President della Società G.U.I.D.A. Direttore della Scuola di Specializzazione di Reumatologia, Università di Pisa.

Dettagli
Card image cap

Giulia Letizia Mauro

Professore Ordinario di Medicina Fisica e Riabilitativa - Primario dell'U.O.C. di "Riabilitazione" - A.O.U.P. "Paolo Giaccone" di Palermo

Dettagli
Card image cap

Gerolamo Bianchi

Direttore del Dipartimento Apparato Locomotore della Azienda Sanitaria Genovese.

Dettagli
Card image cap

Biagio Moretti

Policlinico Universitario di Bari, Università degli Studi di Bari A.O.

Dettagli

Sede legale:
Via di Poggio, 48 - Lucca

Presidente:
Ombretta Di Munno

Direttore Esecutivo:
Giovanni Iolascon

Segreteria Organizzativa

Tel.: (+39) 06 9448887

Fax: (+39) 06 89281786

Email: myevent@si-guida.it