Area Riservata Soci
Roma, 26 Aprile 2016: Nasce G.U.I.D.A.

Roma, 2 maggio 2016 - Promuovere la ricerca, le attività culturali e la formazione ma soprattutto fare chiarezza sugli ... Leggi tutto

Roma, 8 Luglio 2016: Corporate Introduction

Nasce G.U.I.D.A., prima società scientifica in Italia per la gestione interdisciplinare del dolore muscolo-scheletrico e dell'... Leggi tutto

Federazione per le Malattie Reumatiche

Il Prof. Iolascon , direttore esecutivo di SI-GUIDA ha partecipato alla riunione intersocietaria, tenutasi a Roma il 29 Aprile, che aveva... Leggi tutto

Federazione per le Malattie Reumatiche

Roma, 8 Luglio 2016: Corporate Introduction

Roma, 26 Aprile 2016: Nasce G.U.I.D.A.

NEWSLETTER 22 ANNO 2018: IL RUOLO DEL SISTEMA SIMPATICO NEL DOLORE DELL’ALGODISTROFIA E NEL METABOLISMO OSSEO: UNA MATASSA DA SBRIGLIARE

EVENTO PATROCINATO SI GUIDA

NEWS LETTER 21 ANNO 2018: CONGRESSI REGIONALI G.U.I.D.A. 2018

NEWS LETTER 20 ANNO 2018: RISCHIO INFETTIVO POST OPERATORIO E PRECEDENTI INIEZIONI INTRA ARTICOLARI

NEWSLETTER 19 ANNO 2018: IL TRATTAMENTO RIABILITATIVO DELL ALGODISTROFIA

V CONGRESSO NAZIONALE GISOOS

103° Congresso della Società italiana di Ortopedia e traumatologia (SIOT)

Diciottesima edizione del “World Congress On Osteoporosis, Osteoarthritis And Musculoskeletal Diseases”: successodel Simposio sulla Complex Regional Pain Syndrome.

NEWSLETTER 18 ANNO 2018: SURVEY SI GUIDA

NEWSLETTER 17 ANNO 2018: UPDATE AD UN ANNO DAL I CONGRESSO NAZIONALE SI GUIDA

LA VISCOSUPPLEMENTAZIONE È UN TRATTAMENTO CICLICO

NEWSLETTER 16 ANNO 2018 : ASPETTI MEDICO LEGALI IN TERAPIA INFILTRATIVA DAL CONSENSO INFORMATO ALLA RESPONSABILITÀ PROFESSIONALE

ANALOGIE E DIFFERENZE NELLA PATOGENESI DEL DOLORE TRA VARIE FORME DI LOMBALGIA E FIBROMIALGIA

Newsletter 15 anno 2018: L’interdisciplinarietà la vera forza del SI GUIDA

CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN AGOPUNTURA E TERAPIE COMPLEMENTARI NELLA RIABILITAZIONE DEL DOLORE MUSCOLO SCHELETRICO

Neswletter 14 anno 2017: È necessaria una nuova classificazione del dolore cronico?

Come misurare il dolore?

Evento Patrocinato Società Italiana G.U.I.D.A.

Newsletter 13 anno 2017: Terapia infiltrativa intra articolare

La FDA approva l’utilizzo dello stimolatore spinale per la gestione del dolore cronico refrattario

Newsletter 12 Anno 2017: La terapia infiltrativa intra articolare e la riabilitazione: un binomio vincente

Prevalenza del dolore neuropatico in pazienti con Lombalgia

Evento Patrocinato Società Italiana G.U.I.D.A.

DIFFERENTE TRASMISSIONE DEL DOLORE NELLE VARIE FORME DI LOMBALGIA

Newsletter 11 Anno 2017 L’Algodistrofia è una malattia rara?

Efficacia dello Yoga nel trattamento della lombalgia cronica

Newsletter 10 Anno 2017 Diagnosi differenziale del dolore

A COSA È DOVUTO L’EFFETTO DELLA DULOXETINA NELLA LOMBALGIA CRONICA?

Newsletter 9 Anno 2017 Territorialità e interdisciplinarietà della Società Italiana G.U.I.D.A.

Perchè è così difficile capire se l’agopuntura funziona effettivamente

Evento Patrocinato Società Italiana G.U.I.D.A.

Dubbi sulla efficacia della meniscectomia artroscopica parziale nel trattamento del dolore

Persistenza dell’uso di oppioidi dopo chirurgia di anca o di ginocchio

Evento Patrocinato Società Italiana G.U.I.D.A.

Evento Patrocinato Società Italiana G.U.I.D.A.

Update dall’FDA sull’uso nei bambini e nelle donne in gravidanza di codeina e tramadolo

Newsletter 8 - Anno 2017 - Congresso Società Italiana G.U.I.D.A. 2017 – output del Congresso

Newsletter 7 - Anno 2017 - La gestione del paziente con dolore: dalla fisiopatologia alla clinica

Newsletter 6 - Anno 2017 - Raccomandazioni della ACP sulla cura della lombalgia

I CONGRESSO NAZIONALE G.U.I.DA NAPOLI 9/11 MARZO 2017

Avvelenamento da oppioidi in età pediatrica: allerta dall’American Medical Association

Efficacia della vertebroplastica nella riduzione del dolore nelle fratture vertebrali da fragilità

Newsletter 5 - Anno 2016 - Società Italiana G.U.I.D.A. : Nuove Progettualità

Il Dolore nel cinema

Confronto oppioidi paracetamolo FANS

Newsletter 4 - Anno 2016 - I Congresso Nazionale Società Italiana G.U.I.D.A.

Ricerca Bibliografica

Newletter 3 - Anno 2016 - Il dolore muscoloscheletrico: una overview

Ricerca Bibliografica

Oppiodi, il rovescio della medaglia: dipendenza ed effetti correlati

Newsletter 2 - Anno 2016 - Algodistrofia: storia di un nome

Il dolore nell arte

Studio di efficacia e sicurezza su Aceclofenac e Diclofenac

Dolore e artrosi del ginocchio: come trattarlo

Newslette 1 - Anno 2016 - Presentazione Società Italiana G.U.I.D.A.

Dolore in gravidanza

Prevalenza del dolore cronico in UK

La fondazione: parlano il Presidente e il Direttore Esecutivo

Fibromialgia: la causa dei dolori misteriosi

Sigarette elettroniche, sicure ma aiutano poco a smettere

La qualità del sonno anche questione di cibo e peso

Colesterolo, uno studio rivaluta quello cattivo:

NEWSLETTER 19 ANNO 2018: IL TRATTAMENTO RIABILITATIVO DELL ALGODISTROFIA

La Complex Regional Pain Syndrome (algodistrofia) è una patologia regionale che si sviluppa a  seguito  di  un  evento  scatenante  con  manifestazioni cliniche  sproporzionate rispetto ad esso ed è caratterizzata (in modo molto variabile) da edema, alterazioni del microcircolo cutaneo (eritrosi), importante  sintomatologia dolorosa, disturbi sensitivi quali allodinia  e  iperalgesia, e a cui consegue impotenza funzionale.
La diagnosi ad oggi è codificata dai cosiddetti “Criteri di Budapest” (Harden RN et al, Pain 2010)     Questi criteri sono utili, ovviamente, ma sicuramente “riduttivi”, non tenendo conto, ad   esempio, delle valutazioni strumentali ed essendo stati prodotti in ambito prevalentemente  algologico. Non sono condivisi da molti autori ma, al momento, sono gli unici criteri classificativi validati.
Una distinzione deve essere  fatta tra CRPS tipo 1 (“classica”) e tipo 2 conseguente a lesione di un ramo nervoso (sindrome causalgica). Viene anche classificato un  sottotipo per i casi che non rientrano completamente nei criteri prima definiti e che non possono essere spiegati in altro modo: CRPS-NOS (Not Otherwise Specified)

La terapia si basa sull’azione obbligatoriamente  integrata sui tre sintomi principali:
DOLORE, FLOGOSI e IMPOTENZA FUNZIONALE.

Trattamento fisiokinesiterapico
Nell’affrontare la disabilità motoria  della CRPS uno dei problemi principali che rendono molto complesso  impostare un corretto progetto riabilitativo e valutarne gli effetti è la continua evoluzione dei sintomi e la  mancanza di markers prognostici specie per i casi che evolvono verso una forma cronica.  Il clinico quindi si trova su  una linea difficile tra una scelta «watch and wait» e una «intervene aggressively and early»  (CS McCabe et al, Pain Manage 2013)
Per la kinesiterapia è stata pubblicata una recente analisi Cochrane (KM Smart et al, The Cochrane Library, 2016) che conclude che, pur in presenza di una evidenza piuttosto bassa, i dati migliori per un miglioramento del dolore e della funzione sono relativi alle metodologie di  Graded Motor Imagery e Mirror Therapy.
La  rieducazione motoria  di mobilizzazione è indicate anche in fase molto precoce e NON “rispettando il dolore” (modalità applicativa questa , invece, sostenuta tradizionalmente e quasi paradigmatica), ciò al fine di recuperare la funzionalità e prevenire sia i danni periferici sia quelli a carico del SNC (“negligenza senso-motoria”). Utile il linfodrenaggio manuale per la riduzione dell’edema e la terapia occupazionale per il miglioramento funzionale dell’arto, purchè inseriti in un programma riabilitativo completo . (J Marinus et al, Lancet Neurol 2011; F. Birklein et al, Neurology  2014)
Il programma rieducativo pratico di “stress and loading” è stato sviluppato da H. Kirk Watson e Lois Carlson (J Hand Surgery, 1987). Consiste nel promuovere il movimento attivo, anche se lo stress di carico può inizialmente produrre un aumento del dolore o dell’edema.
Con “stress” ci riferiamo ad esercizi di “sollecitazione” delle articolazioni interessate. Con “loading” si intende “caricare” le articolazioni interessate. La chiave del programma è una desensibilizzazione  progressiva al dolore con adeguamento alla nuova situazione e recupero della motilità
In una ricerca specifica è stata comparata quest’ultima metodica, definita  “Pain exposure Physical Therapy  (PEPT)  con il trattamento convenzionale. Nei pazienti trattati con PEPT, pur in assenza di significative differenze, il miglioramento funzionale è stato maggiore e in tempi più rapidi e senza l’aiuto di farmaci. (KJ Bamhoom et, BMJ 2016)

Per la fisioterapia strumentale (Magneto, ultrasuoni), al di là di mere valutazioni anedottiche, non vi è evidenza di efficacia e un solo lavoro evidenzia effetto antidolorifico per la TENS (A. Bilgili et al, J of Back and Musculoskeletal Rehabilitation 2016)  La termoterapia è da ritenere invece controindicata specie in fase acuta (Tecar, microonde, infrarossi, bagni caldi, ..), sia per lo stato di flogosi sia per la contemporanea vasoparalisi.

Professor Carlo Cisari

Iscriviti alla Newsletter

Card image cap

Presidente Umberto Tarantino

Presidente della Società G.U.I.D.A. Professore Ordinario di Malattie Apparato Locomotore Coordinatore della Scuola di Specializzazione in Ortopedia e Traumatologia.

Dettagli

Card image cap

Direttore Esecutivo Giovanni Iolascon

Direttore Esecutivo della Società G.U.I.D.A. Professore di Medicina Fisica e Riabilitativa Seconda Università di Napoli.

Dettagli

Card image cap

Past President Ombretta Di Munno

Past President della Società G.U.I.D.A. Direttore della Scuola di Specializzazione di Reumatologia, Università di Pisa.

Dettagli
Card image cap

Giulia Letizia Mauro

Professore Ordinario di Medicina Fisica e Riabilitativa - Primario dell'U.O.C. di "Riabilitazione" - A.O.U.P. "Paolo Giaccone" di Palermo

Dettagli
Card image cap

Gerolamo Bianchi

Direttore del Dipartimento Apparato Locomotore della Azienda Sanitaria Genovese.

Dettagli
Card image cap

Biagio Moretti

Policlinico Universitario di Bari, Università degli Studi di Bari A.O.

Dettagli

Sede legale:
Via di Poggio, 48 - Lucca

Presidente:
Ombretta Di Munno

Direttore Esecutivo:
Giovanni Iolascon

Segreteria Organizzativa

Tel.: (+39) 06 9448887

Fax: (+39) 06 89281786

Email: myevent@si-guida.it