Area Riservata Soci
Roma, 26 Aprile 2016: Nasce G.U.I.D.A.

Roma, 2 maggio 2016 - Promuovere la ricerca, le attività culturali e la formazione ma soprattutto fare chiarezza sugli ... Leggi tutto

Roma, 8 Luglio 2016: Corporate Introduction

Nasce G.U.I.D.A., prima società scientifica in Italia per la gestione interdisciplinare del dolore muscolo-scheletrico e dell'... Leggi tutto

Federazione per le Malattie Reumatiche

Il Prof. Iolascon , direttore esecutivo di SI-GUIDA ha partecipato alla riunione intersocietaria, tenutasi a Roma il 29 Aprile, che aveva... Leggi tutto

Federazione per le Malattie Reumatiche

Roma, 8 Luglio 2016: Corporate Introduction

Roma, 26 Aprile 2016: Nasce G.U.I.D.A.

NEWSLETTER 22 ANNO 2018: IL RUOLO DEL SISTEMA SIMPATICO NEL DOLORE DELL’ALGODISTROFIA E NEL METABOLISMO OSSEO: UNA MATASSA DA SBRIGLIARE

EVENTO PATROCINATO SI GUIDA

NEWS LETTER 21 ANNO 2018: CONGRESSI REGIONALI G.U.I.D.A. 2018

NEWS LETTER 20 ANNO 2018: RISCHIO INFETTIVO POST OPERATORIO E PRECEDENTI INIEZIONI INTRA ARTICOLARI

NEWSLETTER 19 ANNO 2018: IL TRATTAMENTO RIABILITATIVO DELL ALGODISTROFIA

V CONGRESSO NAZIONALE GISOOS

103° Congresso della Società italiana di Ortopedia e traumatologia (SIOT)

Diciottesima edizione del “World Congress On Osteoporosis, Osteoarthritis And Musculoskeletal Diseases”: successodel Simposio sulla Complex Regional Pain Syndrome.

NEWSLETTER 18 ANNO 2018: SURVEY SI GUIDA

NEWSLETTER 17 ANNO 2018: UPDATE AD UN ANNO DAL I CONGRESSO NAZIONALE SI GUIDA

LA VISCOSUPPLEMENTAZIONE È UN TRATTAMENTO CICLICO

NEWSLETTER 16 ANNO 2018 : ASPETTI MEDICO LEGALI IN TERAPIA INFILTRATIVA DAL CONSENSO INFORMATO ALLA RESPONSABILITÀ PROFESSIONALE

ANALOGIE E DIFFERENZE NELLA PATOGENESI DEL DOLORE TRA VARIE FORME DI LOMBALGIA E FIBROMIALGIA

Newsletter 15 anno 2018: L’interdisciplinarietà la vera forza del SI GUIDA

CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN AGOPUNTURA E TERAPIE COMPLEMENTARI NELLA RIABILITAZIONE DEL DOLORE MUSCOLO SCHELETRICO

Neswletter 14 anno 2017: È necessaria una nuova classificazione del dolore cronico?

Come misurare il dolore?

Evento Patrocinato Società Italiana G.U.I.D.A.

Newsletter 13 anno 2017: Terapia infiltrativa intra articolare

La FDA approva l’utilizzo dello stimolatore spinale per la gestione del dolore cronico refrattario

Newsletter 12 Anno 2017: La terapia infiltrativa intra articolare e la riabilitazione: un binomio vincente

Prevalenza del dolore neuropatico in pazienti con Lombalgia

Evento Patrocinato Società Italiana G.U.I.D.A.

DIFFERENTE TRASMISSIONE DEL DOLORE NELLE VARIE FORME DI LOMBALGIA

Newsletter 11 Anno 2017 L’Algodistrofia è una malattia rara?

Efficacia dello Yoga nel trattamento della lombalgia cronica

Newsletter 10 Anno 2017 Diagnosi differenziale del dolore

A COSA È DOVUTO L’EFFETTO DELLA DULOXETINA NELLA LOMBALGIA CRONICA?

Newsletter 9 Anno 2017 Territorialità e interdisciplinarietà della Società Italiana G.U.I.D.A.

Perchè è così difficile capire se l’agopuntura funziona effettivamente

Evento Patrocinato Società Italiana G.U.I.D.A.

Dubbi sulla efficacia della meniscectomia artroscopica parziale nel trattamento del dolore

Persistenza dell’uso di oppioidi dopo chirurgia di anca o di ginocchio

Evento Patrocinato Società Italiana G.U.I.D.A.

Evento Patrocinato Società Italiana G.U.I.D.A.

Update dall’FDA sull’uso nei bambini e nelle donne in gravidanza di codeina e tramadolo

Newsletter 8 - Anno 2017 - Congresso Società Italiana G.U.I.D.A. 2017 – output del Congresso

Newsletter 7 - Anno 2017 - La gestione del paziente con dolore: dalla fisiopatologia alla clinica

Newsletter 6 - Anno 2017 - Raccomandazioni della ACP sulla cura della lombalgia

I CONGRESSO NAZIONALE G.U.I.DA NAPOLI 9/11 MARZO 2017

Avvelenamento da oppioidi in età pediatrica: allerta dall’American Medical Association

Efficacia della vertebroplastica nella riduzione del dolore nelle fratture vertebrali da fragilità

Newsletter 5 - Anno 2016 - Società Italiana G.U.I.D.A. : Nuove Progettualità

Il Dolore nel cinema

Confronto oppioidi paracetamolo FANS

Newsletter 4 - Anno 2016 - I Congresso Nazionale Società Italiana G.U.I.D.A.

Ricerca Bibliografica

Newletter 3 - Anno 2016 - Il dolore muscoloscheletrico: una overview

Ricerca Bibliografica

Oppiodi, il rovescio della medaglia: dipendenza ed effetti correlati

Newsletter 2 - Anno 2016 - Algodistrofia: storia di un nome

Il dolore nell arte

Studio di efficacia e sicurezza su Aceclofenac e Diclofenac

Dolore e artrosi del ginocchio: come trattarlo

Newslette 1 - Anno 2016 - Presentazione Società Italiana G.U.I.D.A.

Dolore in gravidanza

Prevalenza del dolore cronico in UK

La fondazione: parlano il Presidente e il Direttore Esecutivo

Fibromialgia: la causa dei dolori misteriosi

Sigarette elettroniche, sicure ma aiutano poco a smettere

La qualità del sonno anche questione di cibo e peso

Colesterolo, uno studio rivaluta quello cattivo:

NEWSLETTER 16 ANNO 2018 : ASPETTI MEDICO LEGALI IN TERAPIA INFILTRATIVA DAL CONSENSO INFORMATO ALLA RESPONSABILITÀ PROFESSIONALE

La terapia infiltrativa nasce per restituire benessere e mobilità articolare in patologie come l’osteoartrosi, quando la perdita di tessuto cartilagineo si associa a frequenti episodi infiammatori contribuendo all’esordio dei fenomeni degenerativi

Tra le varie opzioni terapeutiche a disposizione per il trattamento intra-articolare, si impiegano principalmente due classi farmacologiche, quali gli acidi ialuronici e i corticosteroidi, che per loro natura sono utilizzati rispettivamente, nellearticolazioni non infiammatee qualora vi siano segni evidenti di flogosi.Va ricordato come attualmente in commercio siano presenti un elevato numero di visco-supplementi che differiscono per peso molecolare, concentrazione e posologia.
Le Linee Guida dell’American College of  Rheumatology(ACR) e dell’European LeagueAgainstRheumatism (EULAR), suggeriscono come l’uso della terapia intra-articolare con acido ialuronico sia indicata nei pazienti che non hanno risposto ad un programma di  terapia non farmacologica e/o analgesica e come la terapia intra-articolare possa risultare particolarmente vantaggiosa nei pazienti nei quali i FANS siano controindicati o precedentemente risultati inefficaci.Come ogni altra procedura medica, l’esecuzione della terapia infiltrativa impone diligenza da parte dell’operatore; lo specialista, prima di procedere all’esecuzione, dovrà valutare con attenzione indicazioni, controindicazioni assolute e relative, effetti collaterali e, non ultime, le aspettative del paziente. Pertanto, nel planning sarà determinante la valutazione dello stato clinico attuale e dello stato clinico anteriore per poter stimare l’eventuale rischio/beneficio della terapia proposta.

Il consenso informato nel trattamento infiltrativo
Gli elementi costitutivi del consenso informato sono: informazione, comprensione, libertà e capacità di intendere e di volere del paziente. Tale atto, fondamentalea comprendere il mero consenso informato, dovrà inoltre racchiudere le possibili alternative terapeutiche e le prevedibili complicanze. Il medico, quindi, sarà tenuto a fornire al paziente la più idonea informazione sulla diagnosi, sulla prognosi, sulle prospettive e le eventuali alternative diagnostico-terapeutiche e sulle prevedibili conseguenze della scelta operata; il medico, nell’informarlo, dovrà tenere conto delle sue capacità di comprensione, al fine di promuoverne la massima adesione alla proposta diagnostico-terapeutica.Deve essere obbligatoriamente espresso in forma scritta nei casi previsti dalla legge e sarà similmente opportuno nei casi di prestazioni diagnostico-terapeutiche di particolare complessità per le possibili conseguenze delle stesse sull’integrità fisica, e qualora si renda opportuna una manifestazione inequivoca della volontà della persona. Le controindicazioni all’esecuzione della terapia intra-articolare potranno essere divise in:
- assolute: soggetto non collaborante, assenza di consenso informato, allergia al farmaco, presenza di infezioni nei tessuti adiacenti, esecuzione di iniezioni di corticosteroide nel tendine d’Achille e nel tendine rotuleo;
- relative: variabili in base al tipo di paziente e di patologia (ad es. vicinanza di arterie, vene, nervi); inoltre, particolare attenzione dovrà essere posta nei soggetti immunodepressi, diabetici con insufficienza renale, pazienti in terapia anticoagulante orale e in soggetti con una storia di necrosi avascolare.
Il medico, infine, dovrà descrivere l’atto terapeutico nel modo più completo possibile, documentando la posizione del paziente, la via di accesso, il tipo di anestesia qualora fosse associato al prodotto.

La responsabilità nella terapia infiltrativa
La terapia infiltrativa, come tutte gli atti medici, non è certo esente da eventi avversi che possono esporre il medico a profili di responsabilità sia in ambito penalistico che civilistico. Di particolare interesse medico-legale sarà l’appropriatezza, ovvero la presenza di un’indicazione reale in meritoalla modalità ed al numero delle infiltrazioni da eseguirsi. Persino in assenza di comportamenti errati si potranno realizzare delle complicanze che suddividiamo in due categorie:
-le complicanze sistemiche comprendono reazioni vaso-vagali, reazioni alla lidocaina, aritmie cardiache, convulsioni, iperglicemia (diabetici), compromissione della risposta immunitaria, soppressione surrenalica, irregolarità mestruali, sanguinamento vaginale e osteoporosi;
-le complicanze locali comprendono sanguinamento, osteonecrosi dell’osso juxta-articolare, rottura legamentosa, atrofia del sottocutaneo, ipopigmentazione cutanea, lesioni nervose ed infezioni.
Nello specifico, tra gli eventi sopracitati, gli stravasi emorragici, sovente responsabili della formazione di ematomi, possonofacilmente ritenersi esenti da responsabilità; non altrettanto si può affermare perle lesioni nervose,difficilmente giustificabili, salvo che non si possano dimostrare eventuali varianti anatomichedi percorso neurale.Tra le complicanze più temibili vi è quella infettiva che, in virtù della natura del trattamento infiltrativo, potrà interessare tessuti molli e cavità articolari conducendo a danni permanenti e più raramente ad exitus.Persino la localizzazione anatomo-topografica della sede di infiltrazionedovrà essere individuatanel rispettodelle linee guida, dellebuone pratiche clinico-assistenziali e secondo l’esperienza dell’operatore. Sul versante opposto, un’attiva collaborazione del paziente sarà importante al fine del raggiungimento diun risultato favorevole.
Nel caso di insuccesso, ovvero per il mancato conseguimento del risultato positivo per la prestazione prevista, è fondamentale distinguere se esso derivi da una complicanza prevedibile e prevenibile e, quindi da errore, o da una complicanza prevedibile ma imprevenibile e quindi evitabile.
La metodologia medico-legale per stabilire se l’insuccesso di una prestazione medica derivi da una complicanza o da un errore, e pertanto da un’eventuale responsabilità professionale, si basa sull’analisi di: a) documentazione sanitaria (che dev’essere chiara, datata, firmata, leggibile e completa), b) consenso informato (indicate eventuali complicanze, spiegazione di valide alternative terapeutiche, rischio/beneficio nei singoli pazienti), c) attinenza alle linee guida, d) letteratura scientifica. Nel caso di pazienti anziani poi, si dovrà prestare particolare attenzione allavalidità dell’indicazione.

Conclusioni
La terapia infiltrativa non è da considerare un atto fine a se stesso, bensì una valida opzione terapeutica; a volte può apparire come un provvedimento temporaneo che comporti una veloce risoluzione della sintomatologia dolorosa, ma tuttavia, qualora venga associata ad altri provvedimenti terapeutici, darà buoni risultati anche nel lungo termine.L’esperto, prima di eseguire la procedura, dovrà valutare le indicazioni, le controindicazioni, gli effetti collaterali prevedibili e non ultime, le aspettative del paziente. Al fine del successo terapeutico sarà fondamentale che la tecnica venga eseguita con attenzione e diligenza, dopo aver posto una corretta diagnosi.
Va infine ricordato, come la terapia infiltrativa sia un’attività che, in quanto atto medico invasivo, può determinare danni al paziente esponendo il medico a profili di responsabilità in ambito penalistico e civilistico.In ragione di ciò, anche in assenza di comportamenti errati, tali eventualità dannosedovranno essere sempre ben illustrate al paziente nel modo più esaustivo e completo possibile e di tale avvenuta informazione dovràessere conservata,da parte del sanitario, opportuna prova documentale.

Dottor Orazio De Lucia

Scarica Modulo Consenso Informato

 

Iscriviti alla Newsletter

Card image cap

Presidente Umberto Tarantino

Presidente della Società G.U.I.D.A. Professore Ordinario di Malattie Apparato Locomotore Coordinatore della Scuola di Specializzazione in Ortopedia e Traumatologia.

Dettagli

Card image cap

Direttore Esecutivo Giovanni Iolascon

Direttore Esecutivo della Società G.U.I.D.A. Professore di Medicina Fisica e Riabilitativa Seconda Università di Napoli.

Dettagli

Card image cap

Past President Ombretta Di Munno

Past President della Società G.U.I.D.A. Direttore della Scuola di Specializzazione di Reumatologia, Università di Pisa.

Dettagli
Card image cap

Giulia Letizia Mauro

Professore Ordinario di Medicina Fisica e Riabilitativa - Primario dell'U.O.C. di "Riabilitazione" - A.O.U.P. "Paolo Giaccone" di Palermo

Dettagli
Card image cap

Gerolamo Bianchi

Direttore del Dipartimento Apparato Locomotore della Azienda Sanitaria Genovese.

Dettagli
Card image cap

Biagio Moretti

Policlinico Universitario di Bari, Università degli Studi di Bari A.O.

Dettagli

Sede legale:
Via di Poggio, 48 - Lucca

Presidente:
Ombretta Di Munno

Direttore Esecutivo:
Giovanni Iolascon

Segreteria Organizzativa

Tel.: (+39) 06 9448887

Fax: (+39) 06 89281786

Email: myevent@si-guida.it