Area Riservata Soci
Roma, 26 Aprile 2016: Nasce G.U.I.D.A.

Roma, 2 maggio 2016 - Promuovere la ricerca, le attività culturali e la formazione ma soprattutto fare chiarezza sugli ... Leggi tutto

Roma, 8 Luglio 2016: Corporate Introduction

Nasce G.U.I.D.A., prima società scientifica in Italia per la gestione interdisciplinare del dolore muscolo-scheletrico e dell'... Leggi tutto

Federazione per le Malattie Reumatiche

Il Prof. Iolascon , direttore esecutivo di SI-GUIDA ha partecipato alla riunione intersocietaria, tenutasi a Roma il 29 Aprile, che aveva... Leggi tutto

Federazione per le Malattie Reumatiche

Roma, 8 Luglio 2016: Corporate Introduction

Roma, 26 Aprile 2016: Nasce G.U.I.D.A.

EVENTO PATROCINATO SI GUIDA

NEWSLETTER 22 ANNO 2018: IL RUOLO DEL SISTEMA SIMPATICO NEL DOLORE DELL’ALGODISTROFIA E NEL METABOLISMO OSSEO: UNA MATASSA DA SBRIGLIARE

EVENTO PATROCINATO SI GUIDA

NEWS LETTER 21 ANNO 2018: CONGRESSI REGIONALI G.U.I.D.A. 2018

NEWS LETTER 20 ANNO 2018: RISCHIO INFETTIVO POST OPERATORIO E PRECEDENTI INIEZIONI INTRA ARTICOLARI

NEWSLETTER 19 ANNO 2018: IL TRATTAMENTO RIABILITATIVO DELL ALGODISTROFIA

V CONGRESSO NAZIONALE GISOOS

103° Congresso della Società italiana di Ortopedia e traumatologia (SIOT)

Diciottesima edizione del “World Congress On Osteoporosis, Osteoarthritis And Musculoskeletal Diseases”: successodel Simposio sulla Complex Regional Pain Syndrome.

NEWSLETTER 18 ANNO 2018: SURVEY SI GUIDA

NEWSLETTER 17 ANNO 2018: UPDATE AD UN ANNO DAL I CONGRESSO NAZIONALE SI GUIDA

LA VISCOSUPPLEMENTAZIONE È UN TRATTAMENTO CICLICO

NEWSLETTER 16 ANNO 2018 : ASPETTI MEDICO LEGALI IN TERAPIA INFILTRATIVA DAL CONSENSO INFORMATO ALLA RESPONSABILITÀ PROFESSIONALE

ANALOGIE E DIFFERENZE NELLA PATOGENESI DEL DOLORE TRA VARIE FORME DI LOMBALGIA E FIBROMIALGIA

Newsletter 15 anno 2018: L’interdisciplinarietà la vera forza del SI GUIDA

CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN AGOPUNTURA E TERAPIE COMPLEMENTARI NELLA RIABILITAZIONE DEL DOLORE MUSCOLO SCHELETRICO

Neswletter 14 anno 2017: È necessaria una nuova classificazione del dolore cronico?

Come misurare il dolore?

Evento Patrocinato Società Italiana G.U.I.D.A.

Newsletter 13 anno 2017: Terapia infiltrativa intra articolare

La FDA approva l’utilizzo dello stimolatore spinale per la gestione del dolore cronico refrattario

Newsletter 12 Anno 2017: La terapia infiltrativa intra articolare e la riabilitazione: un binomio vincente

Prevalenza del dolore neuropatico in pazienti con Lombalgia

Evento Patrocinato Società Italiana G.U.I.D.A.

DIFFERENTE TRASMISSIONE DEL DOLORE NELLE VARIE FORME DI LOMBALGIA

Newsletter 11 Anno 2017 L’Algodistrofia è una malattia rara?

Efficacia dello Yoga nel trattamento della lombalgia cronica

Newsletter 10 Anno 2017 Diagnosi differenziale del dolore

A COSA È DOVUTO L’EFFETTO DELLA DULOXETINA NELLA LOMBALGIA CRONICA?

Newsletter 9 Anno 2017 Territorialità e interdisciplinarietà della Società Italiana G.U.I.D.A.

Perchè è così difficile capire se l’agopuntura funziona effettivamente

Evento Patrocinato Società Italiana G.U.I.D.A.

Dubbi sulla efficacia della meniscectomia artroscopica parziale nel trattamento del dolore

Persistenza dell’uso di oppioidi dopo chirurgia di anca o di ginocchio

Evento Patrocinato Società Italiana G.U.I.D.A.

Evento Patrocinato Società Italiana G.U.I.D.A.

Update dall’FDA sull’uso nei bambini e nelle donne in gravidanza di codeina e tramadolo

Newsletter 8 - Anno 2017 - Congresso Società Italiana G.U.I.D.A. 2017 – output del Congresso

Newsletter 7 - Anno 2017 - La gestione del paziente con dolore: dalla fisiopatologia alla clinica

Newsletter 6 - Anno 2017 - Raccomandazioni della ACP sulla cura della lombalgia

I CONGRESSO NAZIONALE G.U.I.DA NAPOLI 9/11 MARZO 2017

Avvelenamento da oppioidi in età pediatrica: allerta dall’American Medical Association

Efficacia della vertebroplastica nella riduzione del dolore nelle fratture vertebrali da fragilità

Newsletter 5 - Anno 2016 - Società Italiana G.U.I.D.A. : Nuove Progettualità

Il Dolore nel cinema

Confronto oppioidi paracetamolo FANS

Newsletter 4 - Anno 2016 - I Congresso Nazionale Società Italiana G.U.I.D.A.

Ricerca Bibliografica

Newletter 3 - Anno 2016 - Il dolore muscoloscheletrico: una overview

Ricerca Bibliografica

Oppiodi, il rovescio della medaglia: dipendenza ed effetti correlati

Newsletter 2 - Anno 2016 - Algodistrofia: storia di un nome

Il dolore nell arte

Studio di efficacia e sicurezza su Aceclofenac e Diclofenac

Dolore e artrosi del ginocchio: come trattarlo

Newslette 1 - Anno 2016 - Presentazione Società Italiana G.U.I.D.A.

Dolore in gravidanza

Prevalenza del dolore cronico in UK

La fondazione: parlano il Presidente e il Direttore Esecutivo

Fibromialgia: la causa dei dolori misteriosi

Sigarette elettroniche, sicure ma aiutano poco a smettere

La qualità del sonno anche questione di cibo e peso

Colesterolo, uno studio rivaluta quello cattivo:

Neswletter 14 anno 2017: È necessaria una nuova classificazione del dolore cronico?

Nell’ultimo decennio è emerso un crescente disagio tra gli studiosi del dolore per le difficoltà di inquadrare in maniera chiara, soprattutto ai fini diagnostici e terapeutici, tutte le forme di dolore cronico che il clinico viene ad affrontare nella sua pratica quotidiana.

Come è noto, nel 1994, fu proposta una classificazione del dolore cronico basata essenzialmente sull’individuazione di un “dolore neuropatico” (iniziato o causato da lesione primaria o da disfunzione del sistema nervoso periferico o centrale) e di un dolore cronico “non neuropatico”. Negli anni successivi quest’ultima forma fu definita come “nocicettiva” (da stimolazione dei recettori primari nocicettivi).  Nel 2011 il dolore cronico neuropatico cambiò definizione allo scopo di meglio identificare le caratteristiche patogenetiche, divenendo un dolore “causato da una lesione o da una malattia del sistema somato-sensoriale”.
L’ampio dibattito di questi ultimi anni ha confermato il disagio di molti ricercatori e clinici nell’uso di questa classificazione che non permette di inquadrare tutte le condizioni di dolore cronico.
Al fine di identificare una migliore corrispondenza tra inquadramento tassonomico ed aspetti clinici, l’International Association for the Study of Pain (IASP) ha nominato una task force multidisciplinare che fornisse delle risposte chiare alle esigenze classificatorie in ambito clinico e di ricerca. Il 14 novembre 2017, lo IASP council ha deciso di modificare la propria classificazione del dolore cronico accettando le conclusioni della task force coordinata da Eva Kosen, del Dipartimento di Neuroscienze del “Karolinska Institute” di Stoccolma, e introducendo un nuovo tipo fisiopatologicamente identificato di dolore cronico, da affiancare a quelli già da tempo noti, di nocicettivo e neuropatico.
Secondo la task force, la necessità di trovare un terzo tipo di dolore cronico deriva dalla insoddisfazione nel descrivere il dolore in alcuni pazienti in cui non ritroviamo l’attivazione dei nocicettori e che, nello stesso tempo, non incontrano la definizione di dolore neuropatico possibile o determinato. Ad esempio, nelle due forme tradizionali di dolore cronico, non rientrano i soggetti che hanno esperienza di dolore con distribuzione regionale non associato a chiari segni di neuropatia ma caratterizzato da ipersensibilità recettoriale in assenza di lesione tissutale. Possibile spiegazione a questo fenomeno potrebbe essere una modifica strutturale associata ad un processamento anomalo dello stimolo da parte dei nocicettori, in presenza di un rimodellamento del sistema nervoso centrale come riportato da alcuni studi che evidenziano variazioni nella attivazione e nelle connessioni di specifiche strutture cerebrali.
Pertanto, alla luce delle nuove conoscenze sui meccanismi biologici, è stato proposto un terzo tipo di dolore cronico definito “nocipatico”, termine che caratterizzerebbe una condizione patologica dei nocicettori, in cui è compresa una modalità di dolore che in passato veniva classificato come aspecifico o idiopatico. Secondo la task force viene definito come nocipatico “un dolore che deriva dalla alterazione della nocicezione, nonostante non vi siano chiare prove di danno tissutale reale o potenziale che causi l'attivazione di nocicettori periferici o di evidenza di malattia o lesione del sistema somatosensoriale”. Lo scopo dell’inserimento di questa nuova modalità è di caratterizzare nella pratica clinica il soggetto con dolore cronico con maggiore precisione agevolando la comunicazione tra paziente e medico e migliorando la gestione del sintomo; inoltre avrebbe delle significative ricadute anche sulla ricerca scientifica consentendo la progettazione di studi dedicati.
Nonostante i numerosi consensi, non sono mancate le critiche alla nuova classificazione proposta da Kosen et al. In particolar modo Lars-Petter Granan, dell’Università di Oslo, in una lettera all’editore qualifica questa nuova definizione come vaga ed imprecisa. Granan commenta che la nuova terminologia deriva da una banale osservazione clinica non supportata da sufficienti evidenze scientifiche tali da giustificare un cambiamento tassonomico. Inoltre lo stesso autore sostiene che le ipotizzate modifiche strutturali che avvengono livello cerebrale sarebbero aspecifiche (non tipiche di questa forma di dolore cronico) e che pertanto l’assunto che i pazienti con dolore “nocipatico” siano maggiormente responsivi alle terapie “centrali” non sia in realtà dimostrato in letteratura. A queste critiche sollevate, la Kosen si è difesa sostenendo che la nuova categoria di dolore “nocipatico” non deve essere intesa come una categoria che raccolga i soggetti con un dolore cronico che non rientrano nelle due forme classiche e che quindi non sostituisce la categoria del dolore cronico idiopatico, bensì includa quei pazienti che hanno un dolore cronico con precise caratteristiche di alterazione funzionale dei nocicettori in presenza di una contemporanea modifica della processazione centrale.
A nostro parere l’eziopatogenesi del dolore cronico rimane ancora da chiarire in tutti i suoi aspetti. È indubbio che l’introduzione di questa nuova categoria rappresenti un avanzamento nell’inquadramento diagnostico del dolore cronico con un importante ricaduta sul management di questa condizione. Il fatto che la IASP l’abbia introdotta ufficialmente a partire da questo mese all’interno del sistema tassonomico del dolore renderà questo nuovo tipo di dolore cronico oggetto di studi scientifici specificamente dedicati.
Nella tabella di seguito riportiamo la nuova classificazione tassonomica della IASP:

Prof. Giovanni Iolascon

 

 

Iscriviti alla Newsletter

Card image cap

Presidente Umberto Tarantino

Presidente della Società G.U.I.D.A. Professore Ordinario di Malattie Apparato Locomotore Coordinatore della Scuola di Specializzazione in Ortopedia e Traumatologia.

Dettagli

Card image cap

Direttore Esecutivo Giovanni Iolascon

Direttore Esecutivo della Società G.U.I.D.A. Professore di Medicina Fisica e Riabilitativa Seconda Università di Napoli.

Dettagli

Card image cap

Past President Ombretta Di Munno

Past President della Società G.U.I.D.A. Direttore della Scuola di Specializzazione di Reumatologia, Università di Pisa.

Dettagli
Card image cap

Giulia Letizia Mauro

Professore Ordinario di Medicina Fisica e Riabilitativa - Primario dell'U.O.C. di "Riabilitazione" - A.O.U.P. "Paolo Giaccone" di Palermo

Dettagli
Card image cap

Gerolamo Bianchi

Direttore del Dipartimento Apparato Locomotore della Azienda Sanitaria Genovese.

Dettagli
Card image cap

Biagio Moretti

Policlinico Universitario di Bari, Università degli Studi di Bari A.O.

Dettagli

Sede legale:
Via di Poggio, 48 - Lucca

Presidente:
Ombretta Di Munno

Direttore Esecutivo:
Giovanni Iolascon

Segreteria Organizzativa

Tel.: (+39) 06 9448887

Fax: (+39) 06 89281786

Email: myevent@si-guida.it