Area Riservata Soci
Roma, 26 Aprile 2016: Nasce G.U.I.D.A.

Roma, 2 maggio 2016 - Promuovere la ricerca, le attività culturali e la formazione ma soprattutto fare chiarezza sugli ... Leggi tutto

Roma, 8 Luglio 2016: Corporate Introduction

Nasce G.U.I.D.A., prima società scientifica in Italia per la gestione interdisciplinare del dolore muscolo-scheletrico e dell'... Leggi tutto

Federazione per le Malattie Reumatiche

Il Prof. Iolascon , direttore esecutivo di SI-GUIDA ha partecipato alla riunione intersocietaria, tenutasi a Roma il 29 Aprile, che aveva... Leggi tutto

Federazione per le Malattie Reumatiche

Roma, 8 Luglio 2016: Corporate Introduction

Roma, 26 Aprile 2016: Nasce G.U.I.D.A.

NEWSLETTER 22 ANNO 2018: IL RUOLO DEL SISTEMA SIMPATICO NEL DOLORE DELL’ALGODISTROFIA E NEL METABOLISMO OSSEO: UNA MATASSA DA SBRIGLIARE

EVENTO PATROCINATO SI GUIDA

NEWS LETTER 21 ANNO 2018: CONGRESSI REGIONALI G.U.I.D.A. 2018

NEWS LETTER 20 ANNO 2018: RISCHIO INFETTIVO POST OPERATORIO E PRECEDENTI INIEZIONI INTRA ARTICOLARI

NEWSLETTER 19 ANNO 2018: IL TRATTAMENTO RIABILITATIVO DELL ALGODISTROFIA

V CONGRESSO NAZIONALE GISOOS

103° Congresso della Società italiana di Ortopedia e traumatologia (SIOT)

Diciottesima edizione del “World Congress On Osteoporosis, Osteoarthritis And Musculoskeletal Diseases”: successodel Simposio sulla Complex Regional Pain Syndrome.

NEWSLETTER 18 ANNO 2018: SURVEY SI GUIDA

NEWSLETTER 17 ANNO 2018: UPDATE AD UN ANNO DAL I CONGRESSO NAZIONALE SI GUIDA

LA VISCOSUPPLEMENTAZIONE È UN TRATTAMENTO CICLICO

NEWSLETTER 16 ANNO 2018 : ASPETTI MEDICO LEGALI IN TERAPIA INFILTRATIVA DAL CONSENSO INFORMATO ALLA RESPONSABILITÀ PROFESSIONALE

ANALOGIE E DIFFERENZE NELLA PATOGENESI DEL DOLORE TRA VARIE FORME DI LOMBALGIA E FIBROMIALGIA

Newsletter 15 anno 2018: L’interdisciplinarietà la vera forza del SI GUIDA

CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN AGOPUNTURA E TERAPIE COMPLEMENTARI NELLA RIABILITAZIONE DEL DOLORE MUSCOLO SCHELETRICO

Neswletter 14 anno 2017: È necessaria una nuova classificazione del dolore cronico?

Come misurare il dolore?

Evento Patrocinato Società Italiana G.U.I.D.A.

Newsletter 13 anno 2017: Terapia infiltrativa intra articolare

La FDA approva l’utilizzo dello stimolatore spinale per la gestione del dolore cronico refrattario

Newsletter 12 Anno 2017: La terapia infiltrativa intra articolare e la riabilitazione: un binomio vincente

Prevalenza del dolore neuropatico in pazienti con Lombalgia

Evento Patrocinato Società Italiana G.U.I.D.A.

DIFFERENTE TRASMISSIONE DEL DOLORE NELLE VARIE FORME DI LOMBALGIA

Newsletter 11 Anno 2017 L’Algodistrofia è una malattia rara?

Efficacia dello Yoga nel trattamento della lombalgia cronica

Newsletter 10 Anno 2017 Diagnosi differenziale del dolore

A COSA È DOVUTO L’EFFETTO DELLA DULOXETINA NELLA LOMBALGIA CRONICA?

Newsletter 9 Anno 2017 Territorialità e interdisciplinarietà della Società Italiana G.U.I.D.A.

Perchè è così difficile capire se l’agopuntura funziona effettivamente

Evento Patrocinato Società Italiana G.U.I.D.A.

Dubbi sulla efficacia della meniscectomia artroscopica parziale nel trattamento del dolore

Persistenza dell’uso di oppioidi dopo chirurgia di anca o di ginocchio

Evento Patrocinato Società Italiana G.U.I.D.A.

Evento Patrocinato Società Italiana G.U.I.D.A.

Update dall’FDA sull’uso nei bambini e nelle donne in gravidanza di codeina e tramadolo

Newsletter 8 - Anno 2017 - Congresso Società Italiana G.U.I.D.A. 2017 – output del Congresso

Newsletter 7 - Anno 2017 - La gestione del paziente con dolore: dalla fisiopatologia alla clinica

Newsletter 6 - Anno 2017 - Raccomandazioni della ACP sulla cura della lombalgia

I CONGRESSO NAZIONALE G.U.I.DA NAPOLI 9/11 MARZO 2017

Avvelenamento da oppioidi in età pediatrica: allerta dall’American Medical Association

Efficacia della vertebroplastica nella riduzione del dolore nelle fratture vertebrali da fragilità

Newsletter 5 - Anno 2016 - Società Italiana G.U.I.D.A. : Nuove Progettualità

Il Dolore nel cinema

Confronto oppioidi paracetamolo FANS

Newsletter 4 - Anno 2016 - I Congresso Nazionale Società Italiana G.U.I.D.A.

Ricerca Bibliografica

Newletter 3 - Anno 2016 - Il dolore muscoloscheletrico: una overview

Ricerca Bibliografica

Oppiodi, il rovescio della medaglia: dipendenza ed effetti correlati

Newsletter 2 - Anno 2016 - Algodistrofia: storia di un nome

Il dolore nell arte

Studio di efficacia e sicurezza su Aceclofenac e Diclofenac

Dolore e artrosi del ginocchio: come trattarlo

Newslette 1 - Anno 2016 - Presentazione Società Italiana G.U.I.D.A.

Dolore in gravidanza

Prevalenza del dolore cronico in UK

La fondazione: parlano il Presidente e il Direttore Esecutivo

Fibromialgia: la causa dei dolori misteriosi

Sigarette elettroniche, sicure ma aiutano poco a smettere

La qualità del sonno anche questione di cibo e peso

Colesterolo, uno studio rivaluta quello cattivo:

Come misurare il dolore?

Il dolore muscolo-scheletrico rappresenta una delle cause più frequenti di dolore cronico nella popolazione mondiale che incide notevolmente sulla qualità di vita delle persone.

Le patologie più frequentemente associate a questo sintomo sono l’osteoartrosi, le malattie infiammatorie autoimmuni, su tutte l’artrite reumatoide, le artropatie da cristalli, come la gotta, ed infine la fibromialgia che conducono il paziente a ricorrere ad un uso spesso spropositato di farmaci antinfiammatori non steroidei o ad interventi chirurgici di artroprotesi. E’ noto che la sensazione di dolore sia condizionata da numerosi fattori contestuali ed in particolare la presenza di comorbidità, l’aspetto sociale, il sesso, il livello culturale, la personalità e la possibilità di accesso a cure mediche sono associate ad un diverso approccio al dolore da parte del paziente. Una delle principali conseguenze del dolore cronico è la riduzione della qualità del sonno con destrutturazione e deprivazione di esso che conduce ad un abbassamento della soglia dolore e pertanto allo sviluppo di un circolo vizioso. Infine, il perpetuarsi di tale quadro clinico, conduce alla cronicizzazione del dolore ed un aumentato rischio di sensitizzazione centrale.  

Fluttuazioni temporali del dolore

Uno dei problemi principali riscontrati in clinica è la precisa misurazione del dolore. Questo è legato sia alla difficoltà da parte del paziente nel quantificare questa sensazione, sia per le fluttuazioni dello stesso durante la giornata, in particolar modo nelle patologie infiammatorie croniche. Nelle patologie reumatiche, in effetti, è riscontrabile dal punto di vista laboratoristico, un aumento degli indici infiammatori, come la proteina C- reattiva, in corrispondenza delle riacutizzazioni del dolore; è chiaro però che questa modalità di valutazione risulti complicata da implementare nella pratica clinica. Pertanto è risultata chiara la necessità di sviluppare delle modalità di valutazione del dolore più affidabili, semplici e riproducibili come le scale di valutazione. Inoltre nto uno studio internazionale condotto sui pazienti affetti da coxartrosi e gonartrosi ha evidenziato due principali pattern dolorifici: uno intermittente, evocato da uno preciso stimolo, ed uno con dolore costante che cresce in relazione all’avanzamento della patologia.

Approccio bio-psicosociale al paziente con dolore muscoloscheletrico

L’approccio al paziente con dolore, come accennato prima, non può prescindere da una valutazione completa, non solo del problema muscolo-scheletrico riferito, ma anche e soprattutto delle comorbidità e delle condizioni socio-culturali. Ad esempio in pazienti con apnee notturne, la risoluzione delle difficoltà durante il sonno migliora sia la sintomatologia dolorifica che la responsività alle terapie. In relazione a questa modalità di valutazione di più ampio respiro, è stato introdotto nella partica clinica l’approccio proposto dal modello bio-psicosociale secondo il quale deve essere inclusa non solo un’attenta analisi delle caratteristiche del dolore (intensità, frequenza, qualità e così via) ma anche dello stato emotivo del paziente, della fatica, delle limitazioni nelle attività della vita quotidiana e delle eventuali restrizioni nella partecipazione sociale. Il modello che integra i suddetti elementi è quello proposto dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (World Health Organization, WHO) attraverso la Classificazione Internazionale delle Funzioni, delle Disabilità e della Salute (International Classification of Functioning, Disability and Health, ICF).  

Fattori che influenzano la scelta dello strumento adeguato

La scelta dell’adeguato strumento di misurazione del dolore deve seguire una precisa valutazione di una serie di fattori. In primis la facilità di esecuzione e il tempo impiegato dal compilatore per adempiere alle domande del questionario, due caratteristiche fondamentali per l’utilizzo corrente nella pratica clinica. Attualmente la disponibilità di supporti tecnologici più avanzati e, in alcune realtà, l’utilizzo di applicazioni sui dispositivi mobili, ha reso semplice sia l’esecuzione dei questionari sia la digitalizzazione dei dati con lo scopo di facilitare sia la pratica clinica sia gli studi scientifici. Altro punto da valutare è la scelta di uno strumento generico oppure specifico per la malattia riferita. A tal proposito, i questionari generici permettono di fornire una panoramica più ampia dello stato di salute dei pazienti ma è carente sul problema specifico riportato dal paziente; pertanto sarebbero da preferire in caso di persone con multipli problemi di salute. Discorso similare può essere fatto per i strumenti che analizzano solo una sede oppure l’intera regione anatomica (es. ginocchio oppure intero arto inferiore). Per quanto riguarda la scelta di una scala unidimensionale o multidimensionale, le prime sono da preferire nel caso sia necessario indagare solo l’aspetto quantitativo, mentre le seconde sono preferite per un’analisi comprensiva anche di altri aspetti su cui il dolore influisce. Infine, ultime caratteristiche da valutare sono quelle psicometriche, ed in particolare la riproducibilità, la specificità e la sensibilità del questionario.

Come valutare la differenza tra due misurazioni

Una delle caratteristiche fondamentali per valutare l’effettiva qualità dei questionari è la capacità di rilevare una differenza tra due diversi misurazioni. La cosiddetta “minima differenza clinicamente rilevante” (minimal clinically important difference, MCID) è stata studiata per la maggior parte dei questionari e può differire tra la valutazione del miglioramento e del peggioramento dei sintomi. In effetti questa definizione risulta particolarmente complessa e imprecisa da dare in quanto, nel caso del dolore, la misura della differenza viene stabilità mediante la semplice indicazione da parte del paziente nel riferire un “lieve miglioramento/peggioramento” oppure “dolore stazionario” rispetto alla precedente valutazione. Inoltre potrebbe essere difficile differenziare se l’effettiva riduzione del dolore sia legata all’azione di un intervento farmacologico e/o non farmacologico oppure ad una cautelizzazione del paziente stesso per evitare gli stimoli esacerbanti il dolore (es. camminare nei pazienti con gonartrosi).

Il ruolo dell’esame clinico per la valutazione del dolore muscolo-scheletrico

L’esame clinico è fondamentale per la valutazione del paziente con dolore muscolo-scheletrico, risultando complementare alla somministrazione dei questionari. Esso è utile per localizzare con precisione la sede del dolore, evidenziare la presenza di segni di infiammazione, dolorabilità alla mobilizzazione ed infine eventuali di instabilità articolari o malallineamenti. Per una maggiore esemplificazione nel riportare i dati dell’esame clinico è possibile utilizzare il cosiddetto “joint homunculus”, un semplice diagramma dove riportare le sedi del dolore spontaneo, le sedi in cui è possibile evocare dolore con la palpazione e/o la mobilizzazione, le sedi articolari rigide o edematose. L’homunculus è possibile utilizzarlo nei pazienti che soffrono di dolori muscolo-scheletrici sia di natura degenerativa sia di natura infiammatoria-autoimmunitaria in modo da seguire l’evoluzione della sintomatologia nel tempo e gli effetti di una terapia in corso.

Conclusione

In conclusione l’esame del paziente con dolore muscolo-scheletrico deve seguire un approccio preciso che analizzi non solo il dolore presente al momento della visita ma attuando un approccio multicomprensivo secondo il modello bio-psicosociale. Solo mediante tale metodica è possibile raggiungere ad una comprensione completa dei problemi e dei bisogni del paziente dando la possibilità di ampliare lo spettro di interventi possibili e di impostare la terapia più adeguata in modo da migliorarne i risultati.  

Dott. Marco Paoletta

 

Iscriviti alla Newsletter

Card image cap

Presidente Umberto Tarantino

Presidente della Società G.U.I.D.A. Professore Ordinario di Malattie Apparato Locomotore Coordinatore della Scuola di Specializzazione in Ortopedia e Traumatologia.

Dettagli

Card image cap

Direttore Esecutivo Giovanni Iolascon

Direttore Esecutivo della Società G.U.I.D.A. Professore di Medicina Fisica e Riabilitativa Seconda Università di Napoli.

Dettagli

Card image cap

Past President Ombretta Di Munno

Past President della Società G.U.I.D.A. Direttore della Scuola di Specializzazione di Reumatologia, Università di Pisa.

Dettagli
Card image cap

Giulia Letizia Mauro

Professore Ordinario di Medicina Fisica e Riabilitativa - Primario dell'U.O.C. di "Riabilitazione" - A.O.U.P. "Paolo Giaccone" di Palermo

Dettagli
Card image cap

Gerolamo Bianchi

Direttore del Dipartimento Apparato Locomotore della Azienda Sanitaria Genovese.

Dettagli
Card image cap

Biagio Moretti

Policlinico Universitario di Bari, Università degli Studi di Bari A.O.

Dettagli

Sede legale:
Via di Poggio, 48 - Lucca

Presidente:
Ombretta Di Munno

Direttore Esecutivo:
Giovanni Iolascon

Segreteria Organizzativa

Tel.: (+39) 06 9448887

Fax: (+39) 06 89281786

Email: myevent@si-guida.it